fbpx
Facebook Shops

Facebook Shop, quando la pagina aziendale diventa ecommerce

“Per anni – hanno detto da Facebook – le persone hanno usato le app di Facebook per comprare e vendere prodotti, fin da quando, tempo fa, si pubblicava la foto di una bicicletta con la scritta “in vendita”, per arrivare alla vendita di un tavolino da caffè su Marketplace e, adesso, allo shopping dei prodotti dei brand e degli influencer più amati su Instagram.

Sono state le persone che usano le nostre app a immaginare il social commerce e noi le stiamo aiutando a renderlo una realtà”.

Facebook shop è un po’ come i temporali estivi quando la temperatura si abbassa di qualche grado e la brezza marina diventa più intensa: sai che arriveranno, e non hai che da aspettarli.

Facebook Shop

Il social più famoso al mondo, dobbiamo riconoscerlo, è in costante aggiornamento per essere certo di rimanere al passo con le ultime richieste e tendenze del web e nell’ultimo periodo non si è certo risparmiato in fatto di novità e lanci, tutti mirati ad accontentare ogni esigenza dei suoi utenti.

Si parte con Messenger Rooms, per le videochiamate fino a 50 partecipanti, si passa per i Facebook Avatar con cui poter commentare post e conversazioni attraverso un Avatar con le proprie sembianze e si arriva ad una nuova funzione per le vendite online: Shop, che sarà accessibile anche da Instagram, Messenger e WhatsApp.

Un sogno che si avvera per il Mark internazionale, che da anni ferveva dal desiderio di lanciarsi nel settore dell’e-commerce, ma senza, suo malgrado, riuscirci davvero.

L’emergenza Covid-19 e il boom delle vendite online lo hanno finalmente reso possibile quindi vediamo un po’ di capire se grazie a Shop stiamo per entrare nell’era del social commerce, ove le attività locali o le piccole imprese possono lanciarsi alla conquista del mercato delle vendite online utilizzando direttamente le loro pagine social network e come gestire al meglio questa nuova possibilità.

Cosa Sono I Facebook Shop

L’idea dei Facebook Shop nasce dal desiderio di Facebook di preparare le grandi aziende all’ottica di un nuovo tipo di commercio, alla vendita del futuro e di agevolare in modo semplice, pratico ed immediato quelle più piccole che a causa della pandemia che stiamo vivendo stanno soffrendo economicamente in seguito alla chiusura forzata causata dallo scoppio dell’emergenza Coronavirus che sta mettendo in ginocchio le economie mondiali – salde e robuste o timide ed arrancanti, offrendo loro un luogo gratuito e semplice da utilizzare anche per i principianti in cui gestire le vendite.

Per la creazione di Facebook Shop, la nota piattaforma social ha collaborato con nomi noti, quali: Shopify, BigCommerce, WooCommerce, Channel advisor, CedCommerce, Cafe24, Tienda Nube e Feedonomics.

Insomma, un progetto a cui Facebook ha lavorato non poco e non perdendo mai di vista il suo obiettivo: le aziende e gli imprenditori che vogliono fare il salto di qualità per il bene del loro business.
Ecommerce

Ecco spiegato perchè rispetto al precedente esperimento Marketplace, i nuovi Facebook Shop sono ancor più adattati e basati alle esigenze reali delle aziende e dei venditori online.

Nonostante l’enorme successo di numeri – all’F8 2018 Zuckerberg parlava di 800 milioni di persone nel mondo che usavano Marketplace ogni giorno – il più grande punto debole della feature era, e rimane ancora oggi, l’essere ideata e progettata soprattutto per la compravendita di oggetti tra utenti privati: come ben sappiamo, quando si accede ad una sezione, si può cercare in una galleria di oggetti in un’area ben circuita e specifica, si possono consultare diverse sezioni o categorie merceologiche e settare parametri quali fascia di prezzo o distanza dal venditore e trovato quello che si sta cercando, si può accedere a una scheda con tutte le informazioni su prodotto e venditore, prima di contattare quest’ultimo per accordarsi sulla transazione o di inserirlo nella propria wish list per gli acquisti futuri. Sempre e solo tra privati.

Ma i tempi cambiano, le esigenze evolvono e i social si adeguano alle nuove frontiere delle fidelizzazione del proprio utente-cliente.

“L’idea di base è permettere a qualsiasi piccola impresa di avviare facilmente un negozio per vendere oggetti direttamente attraverso le nostre app. Se visiti il Facebook Shop di qualcuno, sarai in grado di vedere la storia di quella piccola impresa, vedere i suoi prodotti in vetrina e acquistarli dalle nostre app.

Credo che questo sia un elemento particolarmente importante in questo momento, dato che così tante piccole imprese si stanno spostando online per affrontare le conseguenze economiche relative al COVID-19. Mentre alle persone viene detto di restare a casa, i negozi fisici fanno fatica a rimanere aperti e milioni di persone stanno perdendo il lavoro.

In questi due mesi ho lavorato ogni giorno sul lancio dei Facebook Shop per poterne accelerare il lancio e permettere alle piccole aziende di utilizzare strumenti come questo.” Questo è quello che ci fa sapere Zuckemberg tramite comunicato tramite il suo stesso profilo Facebook.

Facebook Shop è una vetrina collegata alla Pagina ufficiale o ai profili Instagram di negozi, brand e produttori, dalla quale si potrà mettere in vendita i propri prodotti.

I gestori di pagine Facebook o profili Instagram avranno quindi la possibilità di creare uno shop online e personalizzarlo nei colori e nelle grafiche, in modo da renderlo quanto più coerente con il proprio brand.

Negozio online
Nei prossimi mesi, poi, l’azienda di Menlo Park prevede di implementare e arricchire l’offerta con funzionalità innovative, come mettere in vendita i proprio prodotti durante il corso delle dirette di Instagram, oppure trasformare il proprio profilo Instagram in un catalogo virtuale consultabile scrollando il feed del negozio.
Questo fa si che aziende e venditori, possano scegliere di far chiudere l’esperienza d’acquisto direttamente sulla piattaforma social, senza che l’utente debba essere reindirizzato su altri siti o altri servizi di pagamento.

Grazie alla piattaforma Facebook Shop si potrà inoltre avere una consulenza diretta con lo shop o l’azienda attraverso il supporto e l’utilizzo delle varie app della suite di Facebook (WhatsApp, Facebook Messenger ed Instagram Direct) in modo da avere completo supporto su domande relative al prodotto, al monitoraggio della spedizione e della consegna e molto altro ancora.

In fase di sperimentazione e test anche una modalità che implementi i programmi fidelity, come le care e vecchie tessere a punti per ottenere premi e vantaggi unici dalle aziende preferite: in questa fase di test si vocifera di possibilità quali card del supermercato, punti per una colazione gratis del proprio bar di quartiere e similari.

Come funziona Facebook Shop

Facebook Shop è una feature disponibile per tutte le attività commerciali che hanno una propria Pagina Facebook ufficiale. Dal pannello di gestione della pagina sarà infatti possibile creare un database dei prodotti in vendita, con foto, descrizione prodotto e prezzo. Il venditore potrà poi decidere quali prodotti aggiungere al suo Shop, personalizzarne i colori e il layout in base al proprio brand.

Lato utente, il funzionamento è semplice, intuitivo ed immediato: la vetrina dei prodotti sarà consultabile all’interno della Pagina Facebook o dal profilo Instagram dell’attività. I prodotti e le categorie saranno facilmente “navigabili” e, nel caso in cui il gestore attivi la funzionalità checkout, il pagamento avverrà direttamente all’interno di Facebook.

Pagina Facebook

Requisiti per avere uno shop della Pagina Facebook

Lo shop della tua Pagina Facebook deve:

  • vendere articoli fisici;
  • accettare le loro Condizioni del venditore.

Vantaggi degli shop delle Pagine Facebook

Gli shop delle Pagine Facebook hanno funzioni che variano in base al luogo. Possono risultare molto utili perché ti consentono di:

  • Aggiungere tutti i prodotti che vuoi: non è necessario aver già caricato un catalogo prodotti altrove e non c’è limite al numero di prodotti che puoi aggiungere.
  • Personalizzare l’inventario dei prodotti: puoi organizzare i prodotti in diverse raccolte affinché i tuoi clienti possano sfogliare la vetrina per categoria.
  • Comunicare con i clienti: i clienti possono inviare un messaggio allo shop della tua Pagina per eventuali domande.
  • Ottenere dati statistici: puoi vedere le visualizzazioni, i clic e gli acquisti per ogni tuo prodotto.

Per realizzare un profilo e-commerce è necessario registrarsi ed agganciarsi all’applicazione fornita (una delle più popolari è “Payvment“) e collegare il proprio account Paypal, attraverso cui gestire il movimento di denaro.

Va poi configurata la “secret key” per accedere in tutta sicurezza alla propria pagina commerciale. La scelta di creare la propria attività e-commerce su Facebook può risultare vincente, data l’immensa visibilità che questo social può fornire, e non da ultimo per la semplicità dell’esecuzione in ogni fase della messa in vendita:

  1. Esposizione dei prodotti.
  2. Comunicazione con l’utente.
  3. Fidelizzazione del cliente,.
  4. Transazione finale.

Come si imposta Facebook Shop?

Molti account hanno già un suggerimento alla guida ufficiale sulla procedura di attivazione di Facebook Shop all’interno delle impostazioni che riguardano il catalogo prodotti accessibile da Facebook Business. In questo momento, comunque, si è in una fase di transizione dove molto probabilmente non è ancora possibile attivarlo per tutti o comunque bisognerà aspettare ancora.

Ad oggi, questi sono gli step da seguire:

  1. Impostare il template Shopping per la propria pagina
  2. Aggiungere i prodotti all’interno della vetrina
  3. Utilizzare immagini di prodotto idonee
  4. Impostare i metodi di pagamento
  5. Ricerca nuovi clienti attraverso Facebook ADS
  6. Mantieni la pagina Facebook al meglio

Impostare il template Shopping per la propria pagina

Facebook Shop si imposta scegliendo per la propria pagina il template shopping che più si avvicina al nostro brand e che darà poi la possibilità di inserire i prodotti nella vetrina.

La procedura per impostare il template della pagina come Shopping è davvero semplice:

  • Impostazioni di pagina
  • Modifica pagina
  • In modelli seleziona il modello Shopping
  • Visualizza dettagli e premi applica

Da qui, si possono impostare la valuta ed altre informazioni riguardanti il proprio shop.

Aggiungere i prodotti all’interno della vetrina

Facebook Shop nasce, si nutre e vive di prodotti, non dobbiamo nemmeno dirlo o sottolinearlo. Al momento, l’unico modo di inserire i prodotti è farlo manualmente e singolarmente, un prodotto alla volta. Ma presto arriveranno nuove funzioni che agevoleranno la vita del gestore dello shop.

Quali informazioni fornire sui propri prodotti? Quelle basi ma essenziali per una scheda prodotto efficace:

  • Immagine o Video
  • Nome prodotto, prezzo, descrizione
  • Eventuale prezzo scontato
  • Disponibilità prodotto
  • Informazioni addizionali come colore, materiale, taglia

Una volta creata la scheda prodotto, la si può anche condivide nella timeline per raggiungere con ancor minor fatica l’utente ultimo.

Utilizzare Immagini prodotto idonee

Facebook Shop è un piccolo eCommerce e proprio come per ogni e Commerce degno di questo nome, anche in questo caso le immagini sono essenziali e vanno curate certosinamente – in fondo, siamo o non siamo catturati dalle immagini che rimandano ad una certa aspettativa? In questo caso le foto prodotto devono rispettare quelle tutte quelle piccole grandi regole auree che si vanno rispettate nel feed prodotti.

Le ricapitoliamo in breve qui:

  • Mostrare il prodotto per intero e non concentrarsi solo su un dettaglio.
  • Utilizzare una buona (ma è preferibile un’alta) risoluzione dell’immagine.
  • Scegliere uno sfondo omogeneo (consigliamo di optare per il bianco, che non distoglie l’attenzione dell’utente).
  • Far vedere il prodotto da più posizioni ed angolazioni.
  • Inserire foto in cui il prodotto viene utilizzato per dare un riscontro più immediato nell’immaginario dell’utente che dovrà utilizzarlo nel quotidiano.
  • Il testo sull’immagine – se e quando è proprio necessario – non deve essere invasivo, per lasciare unico protagonista il prodotto che stiamo inserendo nel catalogo.

Impostare i metodi di pagamento

Facebook Shop al momento prevede l’accettare i metodi di pagamento classici: carte di credito o di debito – che siano Visa, MasterCard o Amex – e PayPal. Unica nota peculiare, il pagamento: verrà gestito attraverso Messenger.

Quando la vetrina consente i pagamenti, i clienti possono acquistare i prodotti scelti e selezionati direttamente su Facebook. Per poter accettare un pagamento, la vetrina deve pero:

  • Vendere articoli fisici
  • Accettare le policy Facebook Commerce Product Merchant Agreement
  • Essere collegata ad un conto corrente bancario
  • Avere un codice fiscale

Sottolineiamo che l’account che imposta il metodo di pagamento è il sub-merchant of record, che vuol dire che in quanto venditore, l’azienda venditrice è responsabile di tutti i documenti fiscali e della qualità e dei contenuti dei propri prodotti: l’acquirente vede il nome dell’azienda da cui sta acquistando durante la transazione e negli estratti conto verrà riportato il nome dell’azienda. Facebook è stato molto chiaro su questo punto: non si assume in alcun modo il ruolo di Merchant of Record.

Una volta terminata la transazione, quando il cliente acquista qualcosa da una vetrina e l’ordine viene contrassegnato come spedito, il venditore riceverà il pagamento per l’ordine entro 5-30 giorni.

Commissioni

Le commissioni per l’elaborazione dei pagamenti sono pari al 2,9% + 0,30€ per transazione. Ad esempio, se l’importo totale della transazione è 100€, una commissione di 3,20 € verrà sottratta dall’importo totale.

Come si attiva Facebook Shop?

La funzionalità Facebook Shop verrà attivata gradualmente a tutti, ma verrà data priorità alle realtà che hanno già impostato il Catalogo Prodotti e Instagram Shopping, che saranno avvisate tramite mail e notifica.

Ecco come attivarlo nel dettaglio:

  • Controllare la mail e le notifiche su Facebook, perché si verrà avvisati della possibilità di aprire il proprio shop tramite una delle due; in alternativa, basta  monitorare il Gestore delle vendite ed iniziare la procedura per verificare se è già funzionante.
  • Creare e configurare il proprio Gestore delle vendite all’interno di Business Manager. Se non si ha ancora Business Manager, basta attivarlo gratuitamente da business.facebook.com, associare la propria pagina Facebook, Instagram e l’account pubblicitario seguendo la procedura guidata.
  • Inserire tutti i dati necessari alla configurazione di Facebook Shop, quindi i dati aziendali (partita Iva, indirizzo fisico, mail, ecc…), informazioni di pagamento, policy di reso, opzioni di spedizione – proprio come un vero e proprio ecommerce.
  • Creare un catalogo prodotti a cui lo shop attingerà per mostrare le informazioni ai clienti o carica manualmente i prodotti stessi nello store di Facebook
  • Creare le collezioni all’interno del tuo negozio online e personalizzare colori, testi e layout come in una sorta di mini sito web

Lo shop sarà raggiungibile da un pulsante sulla pagina Facebook e un’apposita tab nel profilo Instagram, e si potranno “taggare” i prodotti all’interno di post e Stories, come già avviene oggi con Instagram Shopping, e utilizzare le Ads.

Aggiungere i prodotti

Nella pagina aziendale selezionando la vetrina troverai il pulsante “aggiungi prodotto” per inserire nel tuo negozio Facebook tutti gli articoli che desideri senza alcun limite. Cliccandolo si aprirà un pop-up dove ti verrà richiesto di:

  • inserire una foto o un video;
  • nominarlo;
  • conferire un prezzo;
  • segnalare se è in saldo;
  • scrivere una descrizione del prodotto;
  • immettere L’url della pagina d’acquisto;
  • decidere se condividerlo sulla pagina;
  • scegliere a chi renderlo visibile;
  • precisare le condizioni tra nuovo, ricondizionato, usato (accettabile, buono o come nuovo).

A questo punto, con il “salva”, il tuo prodotto verrà aggiunto nel tuo negozio su Facebook ma non sarà da subito messo in vendita. Sull’oggetto vedrai il messaggio “elaborazione in corso” e se sarà conforme alle norme di vendita occorreranno fino a 24 ore per essere approvato.

Una volta che hai aggiunto tutto potrai anche utilizzare le raccolte per suddividere la vetrina in categorie specifiche e consentire agli acquirenti di cercare con maggiore facilità, offrendo un servizio migliore. Dopo il caricamento del tuo primo articolo ti apparirà, fin da subito, Il comando “aggiungi raccolta” dentro la tua vetrina. In alternativa ti basterà andare su “strumenti di pubblicazione” e poi su “raccolte”.

Gestione del catalogo

Nel negozio Facebook hai anche la possibilità di gestire il catalogo per farti pubblicità. Un catalogo è un contenitore che ha al suo interno tutte le informazioni sugli articoli dell’inventario, e permette di originare delle inserzioni e esperienze di acquisto differenti e promuoverle su questo canale e su Instagram.

Nella tua vetrina trovi il button “gestisci il catalogo” e selezionandolo ti si caricherà un’altra parte del negozio dove avrai a disposizione 4 tab per gestirlo al meglio come di seguito indicato.

Shop online

  1. Casi d’uso: ti permette di pubblicare inserzioni e usare funzioni di shopping gratuite per raggiungere clienti su Facebook e Instagram.
  2. Diagnostica: qui puoi verificare se sono presenti problematiche, errori e correzioni che la piattaforma eventualmente ti suggerisce per sfruttare al massimo il tuo catalogo.
  3. Prodotti: hai la facoltà di visualizzare tutti i prodotti filtrandoli per (Attributi, Problemi, Insiemi) e cercarli inserendo il nome, selezionarli, eliminarli o aggiungerne nuovi.
  4. Insieme di prodotti: è un gruppo dell’inventario che definisce cosa deve apparire negli annunci e Può servirti per pubblicare inserzioni dinamiche, grazie alle quali, puoi attuare il retargeting rivolgendoti agli individui che hanno eseguito un’azione sul tuo sito web o sulla tua app o altrove su Internet.

I casi d’uso sono di due tipi: inserzioni dinamiche e Inserzioni per aumentare il traffico. Mentre le prime servono per raggiungere le persone che hanno mostrato interesse, le seconde sono utili per fare in modo che più persone visualizzino prodotti sul tuo sito web o sulla tua app mobile, generando campagne pubblicitarie con l’obiettivo Traffico.

Vetrina di Facebook: ci vuole la partita iva?

Certo che ci vuole la partita iva. In Italia vige l’obbligo della dichiarazione dei redditi e rispettando questo dovere non si sarà considerati un evasore fiscale. Ricordiamoci che superata una certa soglia di redditi subentra la necessità della partita iva. Secondo la legge italiana bisogna distinguere tra “abitualità” e “occasionalità” per individuare l’esercizio di una attività commerciale a differenza di un hobby:

  • se la propria attività è abituale, vi è assoluta necessità della partita iva;
  • se invece è sporadica non serve e si dovrà solo dichiarare i propri redditi nell’apposito modello 730.

La legge Biagi, legge delega n. 30/2003, stabilisce che superando l’importo annuo di 5.000 euro il lavoro è da considerarsi continuativo. Quindi solo se si registrano delle entrate monetarie superiori a quella cifra, oppure si ha l’intenzione di vendere abitualmente, si dovrà aprire la partita iva altrimenti la propria attività non è tassabile.Ad esempio se si tratta di un artigiano che vende privatamente le proprie creazioni sul proprio negozio Facebook, lo fa sporadicamente e non supera il tetto dei 5.000, non si ha il dovere di aprirla e si potrà pubblicare i propri annunci di vendita su Facebook senza infrangere la legge italiana in merito a fisco e tasse.

Policy e prodotti vietati

Sì ai prodotti fisici, ma niente vini, birre, medicine, prodotti digitali o integratori. Facebook Shop presenta una lunga serie di restrizioni. Ecco cosa NON si può vendere con Facebook Shop:

  • Servizi
  • Prodotti digitali
  • Medicine
  • Contenuti scaricabili e in abbonamento
  • Prodotti per adulti
  • Alcolici
  • Animali
  • Tabacco e droghe
  • Offerte di lavoro
  • Integratori quali vitamine, chitosano, barrette proteiche
  • Esplosivi, munizioni e veleni
  • Strumenti finanziari e valute virtuali

9 consigli per migliorare la capacità di vendita su Facebook

Ora che abbiamo introdotto cos’è Facebook Shop Tab non possiamo che cogliere l’opportunità di ampliare il tema, comprendendo in che modo poter migliorare la tua capacità di vendita su Facebook.

Per far ciò, abbiamo voluto condividere con te 10 consigli che, ne siamo certi, svilupperanno positivamente le tue speranze di vendita. Scopriamoli insieme

1] Usa sempre una pagina aziendale

È un consiglio banale ma, purtroppo, ogni giorno vediamo ancora troppi utenti commettere lo stesso errore: devi creare una pagina aziendale – non un profilo personale – per rappresentare il tuo brand! Le pagine aziendali hanno un aspetto simile ai profili personali, ma includono strumenti unici per aziende, brand e organizzazioni.

I tuoi seguaci, clienti attuali o potenziali potranno certamente gradire maggiormente la tua presenza come pagina aziendale piuttosto che come profilo personale.

Non solo questo massimizzerà il potenziale commerciale di Facebook per il tuo brand, ma in realtà ti permetterà anche di rispettare tutti i i termini di servizio di Facebook, che non gradisce che tu utilizzi un account personale per rappresentare qualcosa di diverso dalla persona, come un’azienda! Se poi hai già creato un profilo personale per la tua azienda (male), potrai comunque convertirlo in una pagina aziendale.

Considerato che impostare una pagina è davvero semplice, non hai più alibi!

2] Personalizza l’URL della pagina aziendale

Una volta creata la tua pagina aziendale, la stessa sarà contraddistinta da un numero e un URL assegnati casualmente, come facebook.com/pages/business/123456789. Per rendere la tua pagina più condivisibile e più facile da trovare, meglio creare un URL personalizzato che possa richiamare subito il tuo brand (ad esempio se disponibile, http://www.facebook.com/tuobrand).

3] Scegli una buona foto copertina

Il design della pagina di Facebook ti consente di inserire una foto di copertina di 851 x 315 pixel nella parte superiore della tua pagina aziendale.

Il nostro suggerimento è quello di dedicare il giusto tempo e il giusto impegno all’ottimizzazione della foto di copertina, considerato che è il primo elemento multimediale che potrà catturare l’attenzione dei nuovi visitatori, incoraggiarli a esplorare la tua pagina e, semplicemente, saperne di più sul tuo brand.

Per far ciò, naturalmente, assicurati di seguire le linee guida per la pagina di Facebook.

4] Scegli una foto del profilo facilmente memorizzabile

La foto di copertina non è l’unico elemento grafico della home page al quale dovrai prestare la massima attenzione. Ti consigliamo infatti di scegliere una foto di profilo che sia facile, per i visitatori, riconoscere. Tipicamente, questo consiste nell’applicare il logo della tua azienda, o un’immagine di te stesso se sei un imprenditore facilmente riconosciuto, o un consulente.

Essere riconoscibili è importante per essere trovati subito, specialmente nella maschera di ricerca su Facebook. L’immagine del tuo profilo è inoltre rappresentata nella parte superiore della tua pagina Facebook ed è anche l’immagine in miniatura che viene visualizzata accanto a tutti gli aggiornamenti della tua pagina Facebook. Insomma, sceglila con saggezza e, soprattutto, stai attento a non sceglierla con troppi dettagli.

Quando si opziona per una buona foto di profilo, infatti, dovrai tenere presente che Facebook richiede che le dimensioni dell’immagine della stessa siano 180 pixel per 180 pixel (anche se l’immagine verrà visualizzata come 160 pixel per 160 pixel sui computer desktop).

5] Ottimizza la sezione delle informazioni

Anche se forse lo sai già, la tua sezione delle “Informazioni” è uno dei primi posti che le persone finiranno di guardare nel momento in cui arriveranno sulla tua pagina.

Un’anteprima si trova sul lato sinistro della tua pagina sotto l’immagine del tuo profilo, e le persone possono anche navigare fino alla sezione completa cliccando sulla scheda “Informazioni su” nella parte superiore della tua pagina.

Assicurati di ottimizzare la sezione di anteprima sul lato sinistro della tua pagina con una breve ma descrittiva introduzione per dare ai visitatori un senso di ciò che la tua pagina e la tua azienda vogliono costituire.

6] Postare su Facebook: meglio la qualità della quantità

Due delle domande più comuni che ci vengono poste da tutti coloro i quali si stanno avvicinando solo di recente al mondo di Facebook e dello sfruttamento di questo canale social per la propria impresa è: quante volte devo postare su Facebook? E, ancora, l’invio di messaggi più frequenti mi aiuterà a raggiungere più persone?

La risposta a questa ultima domanda è no. Alla fine della giornata, quanto siano visibili i tuoi post nei News Feeds dei tuoi potenziali clienti dipende dalla qualità dei tuoi post, piuttosto che dalla quantità, considerato che anche Facebook ha lo scopo di filtrare i post irrilevanti e di scarsa qualità, in modo che solamente i post della massima qualità siano ciò possa essere mostrato subito agli utenti.

Quindi, il nostro suggerimento è quello di evitare di sopraffare i clienti con contenuti di scarsa qualità, e di essere selettivo su ciò che stai pubblicando. Trascorri più tempo a creare migliori post su Facebook, e meno tempo a creare tanti post su Facebook.

Ricorda che è compito di un bravo marketer quello di pubblicare contenuti su social che siano interessanti, divertenti, utili e/o rilevanti per il pubblico, scrivendo di argomenti significativi per i tuoi lettori, con uno stile accattivante e pubblicando immagini e video di corredo.

7] Posta negli orari più opportuni

Un’altra domanda comune che ci viene posta è quando è il momento migliore per postare su Facebook?
Naturalmente, come probabilmente stai già intuendo, soprattutto se hai letto gli altri nostri approfondimenti in questo senso, non esiste una risposta perfetta che possa adattarsi a tutti, considerato che aziende diverse possono trovare giorni e orari diversi che funzionano meglio per loro. I tempi dipendono spesso da ciò per cui il tuo target utilizza Facebook, dalla zona in cui si trova, dal contenuto del tuo post e dai tuoi obiettivi.

Detto questo, solo al fine di fornirti alcuni spunti di utilità (ma non prenderli troppo sul serio!), alcune ricerche sostengono che il momento migliore per postare su Facebook sia il primo pomeriggio, o l’ora di pranzo del sabato e della domenica. Sempre per le stesse ricerche, i tassi di engagment sono più alti del 18% il giovedì e il venerdì, mentre i giorni feriali dalle 13:00-16:00 tendono ad avere i più alti tassi di clickthrough.

Considerato che le persone tendono ad essere più felici il venerdì, Neil Patel suggerisce ad esempio di pubblicare contenuti divertenti o ottimisti in questo frangente, proprio per soddisfare l’umore del pubblico. Di contro, i momenti peggiori per pubblicare su Facebook sono i fine settimana prima delle 8:00 e dopo le 20:00.

Naturalmente, ti invitiamo a pensare a questi dati come una linea guida generale, e usarli per aiutarti a trovare gli orari di pubblicazione ottimali per la tua attività.

8] Pubblica dei video

Gli utenti di Facebook amano guardare i video. E tu non dovresti mai sottovalutare questa semplice verità!

Cerca dunque di creare dei video per i tuoi contenuti su Facebook, tenendo a mente alcune specifiche caratteristiche, come ad esempio la necessità di far sì che i tuoi video siano il più possibile coinvolgenti dal punto di vista visivo, soprattutto nei primi secondi.

Ricorda poi che anche se tutti i video su Facebook vengono riprodotti automaticamente nei News Feeds degli utenti, sono in mute fino a quando lo spettatore non accende manualmente il volume. Dunque, più il video è coinvolgente dal punto di vista grafico, e più si può attrarre le persone a rimanere attente sul suo contenuto. Far sì che le persone trascorrano più tempo a guardare il tuo video aiuterà il tuo video ad avere un ranking più alto nel News Feed.

Rammenta infine che Facebook ha da tempo lanciato Facebook Live, un servizio di streaming video in diretta che permette a chiunque di trasmettere video live dal proprio dispositivo mobile direttamente al proprio Facebook News Feed.

Utilizza Facebook Live a tuo vantaggio, poiché Facebook classifica i video in diretta più in alto rispetto ad altri video e altri tipi di post!

9] Programma i post

Pubblicare i contenuti per Facebook può sottrarti tanto tempo utile.

D’altronde, non vivi davanti al social network, e tra riunioni, telefonate, altri lavori e ulteriori impegni, è difficile cercare di pubblicare su Facebook negli orari giusti (leggi sopra. Fortunatamente, sia Facebook che app di terze parti su Facebook ti permetteranno di programmare in anticipo i tuoi post su Facebook (e, per quanto concerne le applicazioni di terze parti, anche altri post sui social media).

Ti suggeriamo di approfittarne, andando a creare uno schema di pubblicazioni settimanali. In questo modo, predisponendo e alimentando un modello di calendario dei contenuti dei social media, otterrai un pratico aiuto a pianificare i tuoi post in anticipo.

Potrai ad esempio inserire in uno stesso giorno tutti i contenuti social media della settimana successiva. Un bel risparmio di tempo e di energie!

Un piccolo consiglio:

Facebook Shop, per quanto veloce, pratico e semplice possa essere, non sostituisce la creazione e la gestione sicura di un buon sito ecommerce. Avere un portale vostro, strutturato con categorie e schede prodotto, con una buona ottimizzazione SEO, che rispecchi il vostro business, la vostra vision e tutto quello per cui avete sempre lavorato e lottato è ancora il modo migliore per vendere online.

Ester Famà

Hai domande da fare? Desideri una consulenza?

Contattami e sarò lieta di trovare la soluzione più adatta al tuo business.

Chatta su Messenger

Lascia un commento